Bottoni

Il bottone e un accessorio fondamentale per l’abbigliamento.

STORIA

Si pensa che risalga addirittura alla preistoria .

Già nella antica Roma se ne faceva uso per fissare stole e mantelle.

Il suo sviluppo su larga scala in Europa e avvenuto verso il XVIII secolo soprattutto come oggetto ornamentale dato che non si conosceva ancora l’uso dell’asola.

Con il passare del tempo il bottone e diventato sempre più importante seguendo di pari passo la moda.

Le caratteristiche fondamentali dei bottoni sono:

a)Materiale

Il materiale dei bottoni può essere il più svariato.

Esistono bottoni in Oro, rame, ottone ,argento in pietra ,in plastica , in sughero , madre perla , ecc.

Non si può fare una classificazione completa perché sarebbe infinita.

b)Forma

Le forme possono essere le più varie , ci e capitato di vedere dei bottoni a forma di pesce , di libro , di torta.

c)Grandezza

La grandezza del bottoni viene misurata in base al suo diametro ,che nello specifico si chiama lineato.

Un lineato corrisponde ad un quarantesimo di pollice che e circa  0,6mm.

I lineati più comuni vanno da 16 Lineato a 44 Lineato.

Di seguito una tabella che mi ha dato un bottonificio:

d)buchi

I buchi , pur essendo necessari , sono diventati una caratteristica che li distingue l’uno dall’altro.

La classica differenziazione e quella tra i bottoni a due buchi ,adatti alle donne, e quelli a quattro buchi, più adatti agli uomini.

Al giorno d’oggi questa classificazione stà scomparendo , esistono manufatti con uno ,due , tre , quattro , cinque , sei buchi , e in alcuni casi anche di forme e misure differenti.

Di seguito esempi di bottoni .

d)Tintura

I bottoni possono essere tinti o lasciati del colore originale del materiale che li compone.

Esempi di bottoni naturali possono essere quelli realizzati in sughero, legno , madre perla , ecc.

Comunque nella maggiore parte dei casi i bottoni vengono tinti e lucidati oppure opacizzati.

 

Precedente Come attaccare(cucire) un bottone Successivo Corso di MAGLIA ai FERRI illustrato